89% dell’olio esausto recuperato viene riutilizzato per produrre olio nuovo [VIDEO]

olio esausto

L’olio esausto e rigenerato è valido come un nuovo lubrificante?

Tempo fa scrissi un articolo sui vari tipi di olio motore e le provenienze occultate intese come nazioni e stabilimenti. Molti utenti pretesero dichiarazioni più approfondite. Ad esempio le marche delle aziende che vendono oli provenienti da materie riciclate. Non è nostra intenzione fare cattiva pubblicità alle case produttrici di lubrificanti ma sicuramente abbiamo suscitato qualche perplessità.

Recentemente mi hanno segnalato un’interessante filmato prodotto dal COOU (Consorzio Obbligatorio degli oli usati). L’89% dell’olio esausto recuperato torna nuovamente in circolazione e riutilizzato per produrre olio nuovo. Le aziende che ne fanno uso, avvertono i consumatori? L’olio rigenerato può esercitare lo stesso lavoro di un lubrificante nuovo?

Su queste domande molto interessanti sicuramente troveremo pareri discordanti. Quello che consiglio è di non affidarsi al “sentito dire” o alla pubblicità martellante. Se un olio è veramente efficacie lo capiamo solo dopo aver sottoposto un’auto a determinati controlli. Il primo in assoluto è il banco prova rulli perché anche un semplice cambio di olio può farvi acquistare dei cavalli precedentemente persi.

Una volta pulita la valvola EGR tenete il conto dei chilometri percorsi prima di intasarla nuovamente. Se doveste togliere la coppa olio o solo il coperchio delle punterie, guardate se c’è della morchia.

Questa volta vi pongo una domanda ancora più “calda”: Quali sono le aziende italiane che utilizzano olio esausto?

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Vuoi contribuire al contenuto di questo articolo? Oppure vuoi farci delle domande?

 

Scrivi qui sotto il tuo commento.

Ti risponderemo entro 24 ore!

29 commenti su “89% dell’olio esausto recuperato viene riutilizzato per produrre olio nuovo [VIDEO]”

  1. ROBERTO BERGAMO

    Salve,
    il mio vecchio prof. di tecnologia meccanica, Ingegnere dai capelli bianche e vasta esperienza industriale, spiegava che l’olio riciclato aveva proprietà migliori in quanto i polimeri “venivano allungati rispetto all’olio primario” con l’uso nei motori.

    1. Giuliano Cosimetti

      @Roberto, a sentire invece i tecnici che eseguono i test in laboratorio, è un olio buono per le fotocopiatrici industriali. Poi basta smontare un motore trattato con olio riciclato per vedere cosa combina.

    1. Giuliano Cosimetti

      @Ulix, per quanto riguarda l’olio prodotto da aziende italiane il più noto è il Selenia prodotto dalla petronas, poi Agip e Action. Personalmente con le auto di famiglia utilizziamo olio Kroon-Oil e la qualità è visibile non a parole ma con il banco prova. A giorni pubblicheremo nuovi filmati.

      1. La Kroon oil ha alcuni prodotti che sono di gruppo 4 ma la gran parte dei prodotti sono di gruppo 3, il che non vuol dire che in assoluto non siano buoni anzi. Per esempio l’helar 0w40 è di gruppo 4, anche l’emperol 10w60 ma quest’ultimo recentemente non riporta più nella descrizione il fatto che sia formulato con basi PAO quindi è probabile l’abbiamo cambiato in semi-sintetico come lo è anche il VR1 valvoline ad esempio.

        A proposito degli olii rigenerati, vi faccio presente che quasi tutti i produttori di lubrificanti usano una discreta % di olii rigenerati nello loro miscele senza che ve ne sia menzione; eni-agip ad esempio si rifornisce presso una sua società in italia che si occupa di riciclaggio dell’olio, e se guardate le specifiche delle basi rigenerate prodotte sono alquanto pessime, non a caso l’olio eni-agip non spicca in qualità.
        Ma altre aziende non ne fanno mistero ed anzi hanno una propria linea di produzione dedicata (nextgen di valvoline ad esempio) dove usano il 50% di lubrificante rigenerato, oppure la Pennasol (marchio commerciale della Avista oil, azienda tedesca di riciclaggio degli olii) che vende solo lubrificanti rigenerati e le caratteristiche chimico-fisiche in entrambi i casi sono ottimali rapportandole al prezzo.

        Ad ogni modo ho potuto fare svariate comparazioni tra i dati forniti, prezzi, composizione, reperibilità dei prodotti, settori d’impiego, devo dire che sulla media dei prodotti a listino le migliori marche sono: liqui moly, ravenol, mannol, kroon oil, wolflube/champion (della wolf oil), valvoline. Altre marche un gradino sotto sono fuchs e aral, mentre pennasol se si vuole puntare sugli olii rigenerati.

  2. ciao giuliano, sono di nuovo io voleva sapere che olio kroon-oil che devo metere sempre 5w-30 o altro e voglio sapere che la mia machina ha bisogno per adativi,grazie

  3. Ciao sono David Giuliano volevo chiederti ieri mio padre a una macchina un po’ vecchiotta multipla benzina impianto metano fatta 4 km di salita o visto una fumata bianca dal cofano ma acqua nel radiatore c’era cosa può essere partito dal radiatore

  4. No ma puzza di bruciato e fumo bianco dal radiatore o visto un piccolo buco dalla plastica da cosa può essere avvenuto tutto questo

      1. Possiedo un Alfa romeo 1.9 jtdm 150cv (110kw) anno 2006 con fap.Ho usato sempre motul x cess 8100 5w40 e volevo provare kroon oil.Quale mi consigliate?Alfa romeo per questa auto consiglia il Selenia WR 5w30.

  5. @giulianocosimetti cosa ne pensi invece dell’olio shell helix ultra (5w30/5w40)?
    Ne ho sentito parlare bene in quanto parte dell’olio è additivato con gas liquido per una discreta pulizia del motore. Fammi sapere la tua in merito

  6. Invece di comprare olio normale sperando che ci sia una % molto bassa di olio rigenerato, non sarebbe meglio a questo punto prendere quel pennasol, sapendo che tra i rigenerati è il migliore?
    Altra cosa: hai mai sentito parlare di olio G-Energy (già ACF)?

  7. francesco de tommaso

    Salve, sono Francesco. Molto interessante l’ argomento olio motore. Soprattutto per il concetto che possiamo passare anche giorni ad analizzare le schede tecniche o il lubrificante stesso, ma magari dentro la lattina c è un olio che non c entra niente e non corrisponde. Io posso dire la mia esperienza. Sulla moto Honda hornet 600 ho provato il castrol di serie e andava molto bene, era slegata, ma volevo un olio sicuro PAO. Ho provato a mettere il Motul 7100 MA2 e gli esteri per due volte mi hanno rovinato la guarnizione filtro olio, quindi ho messo il REPSOL RACING 4t 10w40 e la moto andava finalmente bene. Successivamente ho messo PUTOLINE NANOTECH 4+ 10w40. Accelerando da fermo i giri prendono piu’ veloce e il motore e’ piu’ accordato. ma la cosa assurda e’ che se prima ogni 3000 km dovevo dare una tirata alla leva frizione, stavolta in 6000 km nessuna regolazione. La frizione non ha perso nulla. In tanti anni di moto mai accaduto!!

    Tornando sulla auto volevo sapere: FUCHS TITAN GT1 PRO C-2 è un prodotto tra i migliori del mondo? anche la fuchs ha i suoi silos. Voi che sapete di FUCHS ? Grazie a tutti

  8. Salve, sono possessore di una volvo C30 1.6 d Drive anno 2011, sul libretro manutenzione dell”auto indica olio con le specifiche Acea A3/B3/B4 Sae 0W-30,
    ma nel sito della kroon- oil mi indicano un Sae 5W30. Potrebbe andare bene lo stesso? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?

Articoli correlati

Vuoi SCOPRIre 7 SEGRETI PER RISPARMIARE VERAMENTE DAL MECCANICO?