Se anticipare il tagliando allunga la vita del motore perché le case automobilistiche non lo consigliano?

auto anticipano tagliandi
Foto: Jim Larrison

Lunga vita alle auto che anticipano i tagliandi

Facendo seguito all’articolo scritto da Riccardo Bellumori parlerò dei programmi di manutenzione previsti dalle case automobilistiche.

Sul nostro blog arrivano moltissime richieste del tipo:

  • Dopo quanti chilometri devo sostituire la cinghia di distribuzione?
  • L’olio motore ogni quanto va sostituito?
  • Se cambio la distribuzione devo per forza sostituire anche la pompa acqua?
  • Si è rotta la turbina. La casa auto non vuole passarmi il lavoro in garanzia in quanto scaduta da 3 mesi?

Un esempio di “insoddisfazione di massa” l’abbiamo avuto con l’articolo sulla Nissan Qashqai 1.5 Diesel e con i cambi automatici che iniziano a dare problemi dopo appena 100.000 chilometri.

Cosa sta accadendo alle auto di ultima generazione? Per quale motivo non riusciamo a tenerle efficienti per più di 10 anni come avvenuto in passato per i modelli ancora in circolazione?

Negli ultimi anni abbiamo assistito al prolungamento della garanzia della casa automobilistica. Come diceva Riccardo, non è un indice di qualità dell’auto in quanto il posticipo dei tagliandi non è un toccasana per il motore.

L’estensione della garanzia permette alla casa auto di mantenere il cliente all’interno del circuito delle officine autorizzate alimentando il mercato dei ricambi, dei pacchetti assistenza e altri servizi che sono sicuramente utili.

Molto spesso troviamo la sostituzione del filtro carburante a 60/90 mila chilometri. Come può la casa automobilistica stabilire il tempario senza conoscere i numeri di rifornimento effettuati e l’eventuale presenza di residui di morchia o acqua nel serbatoio?

Grazie a dei filmati girati in diverse officine abbiamo costatato che dopo 15 mila chilometri l’olio motore (indifferentemente dalla marca) inizia a dare cattivo odore (acre e bruciato) e forma grumi solidificati, tracce di emulsione con acqua, ecc.

In passato eravamo abituati a sostituirlo dopo soli 10 mila chilometri per i motori a benzina e 15 mila chilometri per i diesel. Guarda caso le auto duravano molto di più, specialmente le turbine.

Ricordo con molto piacere una Fiat Regata che acquistò mio padre al termine degli anni ’80 per svolgere la professione di tassista. Essendo molto scrupoloso sulla manutenzione, eseguiva il tagliando completo di tutti i filtri ogni 10 mila chilometri. Dopo anni di onorata carriera e con 350 mila chilometri segnati sul cruscotto, la diede a un collega. Cinque anni dopo mio padre lo rivide con la stessa auto a quasi 600 mila chilometri. Unico lavoro eseguito fuori manutenzione ordinaria fu la sostituzione della guarnizione della testata.

Dobbiamo pensare che la Regata 70 sia migliore dell’attuale Fiat Croma? Assolutamente no! La tecnologia ha fatto passi da gigante e le auto sono migliorate sotto ogni punto di vista (favorendo soprattutto i consumi). Non ho nemmeno nulla da recriminare sulla scelta di servirsi a vita presso la rete autorizzata a patto di anticipare i tagliandi rispetto alla tempistica prevista dal costruttore.

Fateci caso. Sui libretti di manutenzione non viene riportata la frase “Tagliando da eseguire a 30 mila chilometri” ma “Tagliando previsto a…” . Non c’è perdita di garanzia se decidiamo di anticipare almeno il cambio dell’olio motore (anzi le concessionarie dovrebbero esserne felici).

Possibile allora che il prolungamento dei tagliandi sia una strategia per favorire il deterioramento precoce della vettura? Sinceramente non mi sento di affermare una cosa del genere. Magari si vuole solo dimostrare al cliente che la manutenzione non pesa sulla gestione economica dell’auto.

Di una cosa però sono certo: il tagliando posticipato accorcia la vita del motore!

Condividi l'articolo

Facebook
LinkedIn
Twitter
Email

Vuoi contribuire al contenuto di questo articolo? Oppure vuoi farci delle domande?

 

Scrivi qui sotto il tuo commento.

Ti risponderemo entro 24 ore!

14 commenti su “Se anticipare il tagliando allunga la vita del motore perché le case automobilistiche non lo consigliano?”

  1. Salve Giuliano
    Essendo in possesso di un Audi A2 benzina di piu di dieci anni , ma con meno di 40000km ,e nonostànte il libretto di manutenzione non accenni nessuna scadenza temporale,ma solo di distanza (cioè; 120000km ) per la distribuzione , la concessionaria contattàta ,rifiuta a sostituire solo le cinghie (sono 2 oltre a quella dei servizi), essendo rifornita (dice lei)solo di kit complèti .Ho in vano espresso il moi sentimento,che i vari rulli ,tenditori, e pompa acqua sono encora in téoria in grado di fare 3 volte la distanza finora raggiunta ,che al prossimo cambio della distribuzione entro 6/7 anni e con 70/80ooo km in piu , tutto comme da manuale sarebbe sostituito ….niente.Sono indéciso sul daffàre perche ci tenevo fare eseguire questa delicata operazione in concessionaria . Allora ; eccèsso di cosciènza , o altro ? Grazie

    1. Giuliano Cosimetti

      @Albert, perché vuoi cambiare le cinghie? Se hai proprio bisogno di sostituirle per stare più tranquillo vai presso un meccanico qualunque, magari un Bosch Car Service.

  2. Salve, io ho una Citroen c4 da libretto la sostituzione della cinghia dentata (unica per il 1.6 hdi) è previstra a 240.000 km. posso atteneri a questo tipo di tempistica?. L’auto è stata acquistata nuova nel 2010 ed attualmente ha 116.000 km.

  3. Salve, ilmanuale manutenzione della bravo 106 120 cv, porta la sostituzione del filtro gasolio ogni 70000 km,io ho cambiato il filtro dopo 25000 km, usando quello marcato UFI. va bene come chilometraggio o posso anche andare oltre. 70.000 mi sembra un po eccessivo.
    stessi km porta anche per il filtro aria (che io cambio con l’olio ogni 18000)

  4. Sono Possessore di un opel astra sw 14 turbo gpl tech 140 cv è un dicembre 2014 e attualmente ha 29000 km dovrei andare a tagliando x la 2º volta. Ma ho notato che la durata dell’olio motore (almeno da quanto risulta dal cdb) si sia ridotta inquanto ad oggi la vita dell olio e al 20% (che siamo 29000) mentre la prima volta a 15000 era al 50%..può essere che il meccanico concessionario opel sia furbo….o è possibile un discrepanza simile?

    1. Stefano se fosse per me lo cambierei sempre entro i 15.000 chilometri. Nessun lubrificante commercializzato può garantire un’ottima lubrificazione oltre i 20.000. Basta cambiare marca di olio o semplicemente lotto di produzione per trovare delle differenze (non dimenticare mai che i produttori italiani sono più o meno gli stessi per molte aziende blasonate o case auto).

  5. Salve! Ho una audi a2 1.4 benzina 75cv. Da un po di tempo ho un problema che nessun meccanico e stato in grado di risolvere. La macchina va bene e in apparenza non da problemi poi bello e buono ogni tanto la spengo e di riacendere non ne vuole sapere. Dopo 10 minuti di tendativi e sforzamento del motorino di avviamento e della batteria riparte anche se su di giri (intorno ai 2000) fa fumo (se ne vede un po anche dal cofano anteriore) e fa un po di rumeri strani tipo se stesse ingolfata. Cordiali saluti

  6. Buonasera cambiare olio motore verso i 10.000 km sia il motore che la catena durano di più.. sempre rispettando le caratteristiche olii motori imposti dalle case automobilistiche.. e nn fa male usare qualche additivo nanotecnologico….salve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?


Articoli recenti del blog