Noleggiare l’auto a lungo termine conviene? Ecco i falsi miti che condizionano questa scelta

Quanti di voi prima di acquistare una nuova auto si sono chiesti se il noleggio a lungo termine conviene o se sia una spesa inutile?

In Italia operano molte società di noleggio a lungo termine, con copertura nazionale, ben organizzate e in grado di fornire un parco auto molto diversificato con un’assistenza capillare.

Esiste un’efficiente organizzazione di rappresentanza delle imprese che offrono servizi di locazione veicoli senza conducente, si chiama Aniasa ed opera all’interno della FISE (Confindustria).

Aniasa stima per il 2011, una crescita del parco auto immatricolato ad uso noleggio a lungo termine di circa 280.000.

In Italia  il numero di partite Iva attive sono 7 milioni circa. Il contratto di noleggio a lungo termine è più conveniente – strumentalmente e fiscalmente – soprattutto alle aziende ma le statistiche parlano chiaro, il rapporto partite Iva/noleggi non arriva nemmeno a uno su dieci.

Perché il mercato del noleggio auto a lungo termine non cresce?

Solo per motivi fiscali, finanziari, o anche “culturali?

Tra il 2000 ed il 2004 mi sono impegnato nel promuovere il sistema di noleggio a lungo termine di un brand internazionale e leader nel settore. Posso assicurare che le risorse, gli strumenti, la formazione e il supporto offerto per lo sviluppo delle vendite è stato di altissimo livello e in grado di superare molte delle obiezioni del potenziale cliente.

In molti casi, nelle trattative con i possessori di partita Iva, regnavano ancora alcune “superstizioni” che ancora oggi durano e delle quali proviamo a spiegare le ragioni e controsensi:

a) Nel noleggio a lungo termine l’auto non è di mia proprietà.

Nulla da dire, ma i nostri lettori seguendoci ormai da tempo sanno benissimo che a causa dei costi di gestione, manutenzione ordinaria e straordinaria, il concetto di “proprietà” dell’automobile inizia a pesare economicamente alle famiglie italiane.

b) I canoni di noleggio sono molto alti.

In effetti il noleggio garantisce il pieno utilizzo dell’auto, non la proprietà. Per questo, un contratto tipo prevede una serie completa di coperture (KASKO, PAI, ecc.) e un insieme di supporti (soccorso stradale, numeri verdi, auto sostitutiva, riparazioni di meccanica, carrozzeria e pneumatici) che hanno certamente un costo ma che coprono la massima parte dei rischi di uso dell’auto. Quale è il prezzo di acquisto di questi servizi per un semplice automobilista privato?

c) L’auto di proprietà la posso rivendere in permuta in cambio di una nuova.

In Italia abbiamo 3 auto ogni 5 abitanti. Oltre un terzo delle vetture in circolazione ha più di 10 anni e le quotazioni dell’usato risentono parecchio della fase di crisi (anche se apparentemente le vendite testimoniano uno stato di salute ottimale del settore dell’usato). Siamo veramente così convinti che l’auto in nostro possesso equivalga a un’assegno circolare? Nel contratto di noleggio a lungo termine il problema della rivendita appartiene alle aziende noleggiatrici.

d) I costi della manutenzione sono più bassi se gestiti personalmente.

Oggi gestire un’auto non significa solo sapersi destreggiare con pinza e cacciaviti sostituendo il meccanico. La manutenzione dell’auto sconta un aumento esponenziale dei costi della materia petrolifera e dei ricambi. Per questo, con i nostri servizi ci impegniamo a fornire ai lettori alcune “dritte” per la giusta valutazione dei preventivi di assistenza, sempre più cari.

Spesso non ci rendiamo conto di quanto ci costi la nostra auto nei primi 3/5 anni di vita, e quanto perdiamo in valore nella rivendita. Un contratto di noleggio a lungo termine (12/24/36 mesi ed oltre) permette di pianificare e prevedere la quasi totalità dei problemi futuri.

A fronte di queste “superstizioni” e una volta superate, sentiamo il dovere di tendere una mano a favore dei cosiddetti minifleet (proprietari di una/due auto) che non godono di un grande potere contrattuale.

Per questo invitiamo le società di noleggio a lungo termine che operano in Italia a proporre piani personalizzati e maggiormente economici. Parliamo soprattutto delle micro imprese che qui da noi spesso rinunciano a noleggiare un’auto a causa dei canoni elevati.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?

Cerchi qualcosa in particolare? Inserisci il termine di ricerca qui in basso

Vuoi contribuire al contenuto di questo articolo? Oppure vuoi farci delle domande?

 

Scrivi qui sotto il tuo commento.

Ti risponderemo entro 24 ore!

12 commenti su “Noleggiare l’auto a lungo termine conviene? Ecco i falsi miti che condizionano questa scelta”

  1. Riccardo Bellumori

    @antonio: grazie del tuo contributo e commento. Giustamente, così come per tutti, teniamo a non fare pubblicità nemmeno nei casi “involontari”. In merito alla Tua soddisfazione, ci farebbe piacere poter pubblicare una maggioranza di commenti positivi e favorevoli all’esperienza del Noleggio. Ahimè: la maggioranza dei commenti che spesso registriamo è di matrice ben diversa. Non è un buon segno.

  2. Ciao io credo che uno dei motivi per cui il mercato del noleggio a lungo termine non si sviluppa come potrebbe (non è che vada malissimo comunque) è legato all’idea culturale del possesso. Tanti non hanno ancora capito che la vita è transitoria e in realtà anche quello che possediamo non ci appartiene. Abbracciare la transitorietà vuol dire godere ogni momento della vita… se detto questo conviene anche economicamente, allora abbiamo finalmente la cicala e la formica che se ne vanno sotto braccio.

    1. @Claudio, ne parlavo proprio questa mattina con mio fratello. Purtroppo, oltre alla giusta osservazione che hai fatto, molte aziende italiane hanno chiuso e di conseguenza hanno interrotto i rapporti con le società di noleggio. Molte sono morose diventate nel tempo pessime clienti (oggi per avere un preventivo bisogna dimostrare di avere una capacità economica sicura per sostenere i canoni).
      Mettiamoci poi la scarsa deducibilità fiscale!
      Ho visto invece una crescita non indifferente del CarSharing, molto più conveniente e facile da ottenere. Forse il tabù della proprietà è stato superato ma la crisi economia ci tiene legati ancora alle vecchie auto che a fine ciclo di vita vengono a costare meno del noleggio.

  3. Volevo sapere, se consigliate una multinazionale come Arval o broker come Finrent? Perchè io ho chiesto tanti preventivi, volevo sapere se l’affidabilità di una multinazionale è superiore a quella di quella piccola o ci sono altri fattori. Grazie!

    1. @Max, solitamente i Broker si appoggiano a delle multinazionali, è probabile che il fornitore finale sia Leaseplan o ALD Automotive… alla fine il servizio viene sempre erogato da una di queste aziende.

    2. ti porto la mia esperienza… interfacciarsi direttamente con i noleggiatori conviene solo alle grandi imprese.
      Per le realtà medio-piccole e liberi professionisti secondo me è molto meglio rivolgersi a dei broker: stessi canoni, stessi noleggiatori ma risposte veloci e una persona di riferimento a disposizione.

  4. Io ad esempio collaboro con la ******** e in effetti le piccole aziende e liberi professionisti, preferiscono di più un interlocutore con il quale possano parlare di persona.

  5. antonio esposito

    Personalmente ho usufruito del servizio di noleggio a lungo termine tramite il portale di comparazioni ***** e devo dire che mi sono trovato benissimo. Infatti, in azienda abbiamo preso 23 auto tramite loro sempre al minor prezzo sul mercato. Noi abbiamo stipulato proprio in relazione alla migliore qualità prezzo un contratto con i principali player sul mercato automotive.

    1. Alessandro Cosimetti (AutofficinaSicura)

      Caro Antonio, ti sei trovato benissimo con quel noleggio perché è il TUO COMPARATORE visto che il link che hai pubblicato nel commento è lo stesso che hai messo in firma.

      Ma dove pensi di commentare? Su un blog di analfabeti digitali? Suvvia, impara a fare marketing che sei rimasto indietro di almeno 10 anni.

      P.S. Sia il link nel commento che quello in firma li ho rimossi. Se avessi scritto un commento utile e non “fazioso”, almeno quello in firma lo avrei lasciato. Ma siccome sei poco furbo…

  6. Riccardo Bellumori

    Gentilissimi tutti, a commentare e preziosi come sempre Giuliano e Alessandro nelle risposte. Indubbiamente da un lato fa piacere che un pezzo di cinque anni fa sia ancora sotto l’attenzione di tanti. Ma di certo la cosa più preziosa è che ci sono poche piattaforme sul Web che permettono ai lettori di esprimersi liberamente e di confrontarsi su argomenti scottanti. Ecco perché, completamente d’accordo con Alessandro e Giuliano, io suggerirei agli eventuali “furbetti” che approfittano di questo spazio sperando di fare pubblicità, che su questo portale nessuno è fesso. Nè gli Amministratori nè tantomeno chi li segue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?