Gestione manutenzione flotte auto aziendali

La corretta manutenzione auto senza false promesse

A Natale quando l’albero si ghiaccia si rischiano grossi danni (chiaramente parliamo dell’albero motore!)

Durante i periodi freddi pensiamo subito ai pneumatici invernali dimenticandoci spesso come il gelo sia nemico di moltissime parti meccaniche (albero motore) ed elettriche.

Cosa accade all’interno del motore quando inizia a fare freddo?

Per evitare danni, la mattina una volta acceso il motore, dobbiamo farlo girare per alcuni minuti senza toccare l’acceleratore. Questo serve per permettere all’olio motore di raggiungere una temperatura ottimale arrivando facilmente su tutti gli organi meccanici.

Una partenza a freddo comporta in molti casi la rottura dell’albero motore o delle bielle. Danni di questo genere sono frequenti ovunque e non solo nel nord Italia (spesso basta una semplice gelata notturna).

Stesso discordo per l’olio del cambio differenziale, soprattutto quando questo è di tipo automatico.

Quando si spezza un albero motore il primo pensiero va alla pompa dell’olio oppure alla mancanza dello stesso olio nella coppa. In alcuni casi si possono danneggiare anche i prigionieri della testata.

Albero motore spezzato

Prima di scrivere questo articolo ho dato un’occhiata sui vari forum e tutte le segnalazioni da parte degli automobilisti pubblicate nei periodi freddi dell’anno riguardano proprio la rottura dell’albero motore congelato. Purtroppo, tra le tante ipotesi formulate, nessuno di loro ha menzionato un guasto causato da una partenza a freddo.

L’utilizzo dell’antigelo invece permette al liquido refrigerante di non ghiacciarsi ed espandersi. L’aumento di volume del liquido dovuto al congelamento spaccherebbe il radiatore.

Oltre all’albero motore quale sono gli altri inconvenienti delle temperature basse?

Anche le batterie sono vulnerabili al freddo, soprattutto quelle datate. La cosa migliore da  fare è controllare la data della batteria: qualora superasse i 3 anni di vita deve essere sostituita senza pensarci due volte.

Se trovate il parabrezza coperto di ghiaccio,utilizzate un raschietto per pulirlo, evitando di gettare dell’acqua calda che spaccherebbe all’istante il cristallo (stesso discorso per lunotti e scendenti laterali).


Articolo scritto da Giuliano Cosimetti (AutofficinaSicura)


Inizia la sua carriera nel settore automotive come operaio presso un’autofficina meccanica di Roma. Successivamente entra a far parte della Europcar (nota multinazionale di autonoleggio) occupandosi del controllo dei preventivi di carrozzeria e meccanica diventando - dopo nemmeno un anno - coordinatore del pool ispettori. Prosegue la sua carriera presso la ServiziAutoOnline (Saol) dove sviluppa il primo portale di meccanica online e una capillare rete di assistenza per alcune aziende del noleggio a lungo termine. Oggi è amministratore della GenesiSaw Srl dove si occupa principalmente di assistenza flotte aziendali. | Facebook | Twitter | Linkedin | Google+ |



Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?


2 Commenti a A Natale quando l’albero si ghiaccia si rischiano grossi danni (chiaramente parliamo dell’albero motore!)

  1. allora anche gli spray per scongelare fanno male ai vetri?e’ usuale fare nel modo tradizionale,raschietto e riscaldamento

    • @Daniele, non li ho mai testati. Comunque girando molte città del Nord Italia vedo la gente utilizzare sempre il classico raschietto, o in alternativa degli additivi anti congelanti che vengono applicati periodicamente sul cristallo.

Commenta inserendo questi dati

Inviaci un messaggio privato tramite Facebook


Inviaci una e-mail (Ti risponderemo entro 24 ore)

AutofficinaSicura è un marchio di proprietà di Alessandro Cosimetti s.p.


- Privacy Policy

- Cookie Policy

Copyright © 2010 - 2017

VAT SI46937072


Sede legale: