Gestione manutenzione flotte auto aziendali

La corretta manutenzione auto senza false promesse

Come la nuova specifica C5 stravolgerà il futuro dell’olio motore spazzando questo genere di ricambisti e meccanici

la nuova specifica olio motore C5

La continua evoluzione tecnologica dei motori stabilisce nuove regole sul mondo dell’autoriparazione che costringeranno ricambisti e meccanici ad un radicale cambiamento. L’olio motore, che ancora oggi viene trattato con estrema superficialità anche dagli operatori di settore, è definitivamente entrato nella categoria ricambi, diventando – a pari livello – importante quanto filtri, cinghie, frizioni ecc.

Le stesse case automobilistiche, in base alla tipologia di motore prodotto, tendono a comandare il mercato del lubrificante imponendo particolari specifiche ACEA e di viscosità. Troviamo in commercio lubrificanti specifici per auto ibride e vetture con impianti a gas. Arrivando infine a quello che sarà il futuro del lubrificante per motore: la specifica C5 che ridurrà emissioni, effetto “attrito fluido” e dispersioni di energia.

Quale sarà il compito della specifica C5?

Come anticipato precedentemente, avrà un ruolo fondamentale per quanto riguarda la riduzione degli attriti tra i componenti metallici creando un film denominato Attrito Fluido (es. tra pistone e cilindro).

compito della specifica C5

Ma come può un lubrificante con un film più sottile mantenere al tempo stesso delle sufficienti capacità protettive?

Per dare una risposta, dobbiamo parlare dei parametri HTHS. Fino a qualche tempo fa la viscosità dell’olio motore veniva misurata a 100°C ma i valori ottenuti non erano in linea con la maggior parte dei motori in circolazione. Quindi si è deciso di passare a 150°C aumentando anche lo sforzo di taglio. Da qui troviamo l’indice di viscosità HTHS (High Temperature, High Shear).

indice di viscosità HTHS High Temperature, High Shear

Con un basso HTHS (valori minimo 2,6 mPa s), l’olio motore avrà sicuramente un minor attrito ed un buon rendimento fuel economy ma al tempo stesso il film creatosi tra le parti metalliche, divenuto più fragile aumenta sensibilmente il rischio di usura. Diversamente un alto HTHS (valori minimi 3,5 mPa s) – con un film protettivo più resistente – aumenta la protezione  dei componenti metallici ma – conseguentemente – avremo un alto attrito fluido ed un minor rendimento fuel economy. In poche parole tenderanno a diminuire i valori minimi dell’HTHS a 2,6.

La specifica C5 regolarizzerà questi parametri rendendo il film più resistente (quindi maggior protezione per il motore) aumentando contemporaneamente il fuel economy.

Nel futuro occorrerà soprattutto ridurre i danni causati dal Bio-Diesel che – oltre alla pessima combustione – fa trafilare il diesel incombusto.

danni causati dal Bio-Diesel

Quali sfide i produttori di lubrificanti dovranno affrontare nell’imminente futuro?

Aumenteranno il numero di motori con meno cilindri e con i loro monoblocchi in alluminio. Di conseguenza ci saranno tolleranze molto più ristrette e soprattutto minori quantità di olio motore (cosa che abbiamo già iniziato ad assistere negli ultimi anni). Bisognerà lavorare moltissimo sui motori downsizing con i loro sintomi di auto-combustione che causano forti battiti (molto probabilmente causati da un’errata scelta del lubrificante).

Per questo le specifiche dovranno includere prove tecniche per eliminare questi difetti. I lubrificanti devono avere minor viscosità mantenendo però elevate le prestazioni. Inutile dirvi che sbagliare lubrificante aumenterà le probabilità di rompere un motore.

A breve forti cambiamenti rivoluzioneranno il mercato dei lubrificanti tagliando fuori ricambisti e meccanici privi di una visione innovativa. Chi è ancora abituato ad utilizzare una o due specifiche per tutte le tipologie di auto, rischia seriamente di creare danni gravissimi ai propri clienti. Pertanto la capacità dei ricambisti locali farà la differenza imponendo migliorie anche nei servizi di fornitura in officina.

Il futuro della manutenzione del cambio automatico e la partnership Champion – AutofficinaSicura

manutenzione cambio automatico champion

La Wolf-Champion di cui abbiamo visitato personalmente lo stabilimento in Belgio ha appena anticipato i suoi imminenti investimenti per il restante 2017 e tutto il 2018 creando nuovi lubrificanti ATF specifici per cambi automatici su BMW, Fiat, Opel, Audi, Volkswagen, Mercedes. Come Autofficina Sicura, dall’inizio di quest’anno, canalizziamo gli automobilisti presso officine PIT-STOP specializzate nella manutenzione del cambio automatico.


Articolo scritto da Giuliano Cosimetti (AutofficinaSicura)


Inizia la sua carriera nel settore automotive come operaio presso un’autofficina meccanica di Roma. Successivamente entra a far parte della Europcar (nota multinazionale di autonoleggio) occupandosi del controllo dei preventivi di carrozzeria e meccanica diventando – dopo nemmeno un anno – coordinatore del pool ispettori. Prosegue la sua carriera presso la ServiziAutoOnline (Saol) dove sviluppa il primo portale di meccanica online e una capillare rete di assistenza per alcune aziende del noleggio a lungo termine. Oggi è amministratore della GenesiSaw Srl dove si occupa principalmente di assistenza flotte aziendali. | Facebook | Twitter | Linkedin | Google+|


Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?

7 Commenti a Come la nuova specifica C5 stravolgerà il futuro dell’olio motore spazzando questo genere di ricambisti e meccanici

  1. Grazie e complimenti da sempre leggo attentamente i vostri email che li trovo molto utili bravo Giuliano cordiali saluti Placido

  2. Come sempre,articolo altamente esaustivo,chiaro e interessante : speriamo che lo leggano TUTTI gli automeccanici. Grazie sig Alessandro da Pierpaolo .

  3. Ottimo lavoro, lancio un questito: Sulla rete sono sempre più soventi video ove vengono testati lubrificanti sotto carico con test ASTM, macchina rotante, carico e rrllino. E’ facile notare come il film lubrificante – anche degli oli più blasonati è vengono abbattuti con limiti di rottura del film lubrificante molto bassi. Anche con indice di forza del fil lubrificante elevarti. Perché alla fine ..gli oli non possono più contenere additivi EP, particelle solide come Bisolfuro. Motori sempre più potenti, con distribuzioni complesse e pressioni di banco elevatissime. Quale strada scegliere, aspettare il G5 come specifica o girare slugli additivi nano-tecnologici più all’avanguardia, con aggravio di spesa.?
    Stefano

    • Stefano al momento consigliamo vivamente l’utilizzo di additivi nanotecnologici anche per un motivo che va ben oltre l’attesa della specifica C5. In pratica mlti lubrificanti in commercio appartenenti a detrminate case non rispettano le specifiche aggiornate. Altri nonostante la molta pubblicità sono risultati scadenti già dalle basi. A breve presenteremo noi stessi una nuova linea di additivi denominata Motor Defence.

  4. Forse qualche propulsore che conosco per conoscenza indiretta ha subito la fusione delle bronzine nei benzina iniezione diretta e diesel alte prestazioni. Causa probabilr il lubrificante a bassa viscosita’, temperature interne elevate e scarso scambio termico con il refrigerante. Piu’, ore prolongate di esercizio del veicolo magari con turbina. La vatiante era di obbligo. Oppure assolvere un costoso radiatore olio esterno. Saluti.

Commenta inserendo questi dati. (Il tuo commento andrà prima in moderazione e pubblicato entro 24 ore)

Inviaci un messaggio privato tramite Facebook. ATTENZIONE: Se hai già lasciato un commento sotto l'articolo, NON inviarci lo stesso messaggio anche su Facebook. I tempi di risposta sono esattamente gli stessi!


Inviaci una e-mail (Ti risponderemo entro 24 ore)

AutofficinaSicura è un marchio di proprietà di Alessandro Cosimetti s.p.


- Privacy Policy

- Cookie Policy

Copyright © 2010 - 2017

VAT SI46937072


Sede legale: