Gestione manutenzione flotte auto aziendali

La corretta manutenzione auto senza false promesse

L’importanza del valore giuridico di un preventivo tutela l’automobilista ma anche il meccanico

valore legale preventivo meccanica

Negli ultimi mesi abbiamo raccontato storie di automobilisti alle prese con dei meccanici “poco trasparenti”. Con questo termine indichiamo quegli autoriparatori che pretendono di essere pagati in base a dei “pezzetti di carta” privi di ogni informazione utile al cliente.

Perché il preventivo è importantissimo?

Il preventivo non deve essere visto dall’autoriparatore come una semplice formalità (e spesso erroneamente considerato una perdita di tempo) ma anche come sistema di tutela. Nel momento in cui viene stilato, si dichiarano gli obblighi giuridici tra autoriparatore e automobilista. Il documento è a tutti gli effetti il lavoro da svolgere, in termini di manodopera e di ricambi da utilizzare. Può essere definita come stima variabile poiché – in fase di lavorazione – potrebbero mutare diversi aspetti da comunicare immediatamente al cliente.

Il preventivo impegna l’autoriparatore ad eseguire una determinata prestazione. Al tempo stesso, impegna il cliente ad accettarlo oppure a rifiutarlo (conclusione positiva o negativa della proposta contrattuale).

Un preventivo completo accettato dal cliente, lo vincola al pagamento del lavoro ultimato a fronte dell’emissione di una regolare ricevuta o fattura che – anche in questo caso – deve riportare per intero le voci del preventivo. Come avrete capito il preventivo va incontro anche all’autoripratore consentendogli di opporsi ad un’eventuale mancato pagamento del cliente o contestazioni di vario genere.

Cosa NON è un preventivo di meccanica

In termini giuridici non possono essere definiti preventivi quelle email sviluppate da portali web e inviate all’utente come (discutibili) metodi di risparmio o siti specializzati per la vendita di “vantaggiosissimi” (notate le virgolette) coupon. Ne abbiamo testati alcuni e nessuno di questi permette al meccanico di rilasciare un preventivo dettagliato ma solo un vago importo senza descrizione dei lavori e dei ricambi utilizzati. Questo sistema non fa altro che creare una misera competizione tra autoriparatori che – per accaparrarsi il cliente – sono costretti a non comportarsi professionalmente.

Come abbiamo raccontato nel precedente articolo riguardante il meccanico di Lavinio (litorale laziale), il preventivo permette all’automobilista di conoscere esattamente cosa sta pagando. E’ facile comunicare a voce al cliente un importo rassicurandolo che risparmierà. Ma, non essendo valido in termini di legge, non potrà essere impugnato qualora il lavoro non venisse fatto in maniera corretta o con ricambi non conformi.

Inoltre, come dimostriamo ogni qualvolta che parliamo di questi argomenti, il risparmio non esiste mai!


Articolo scritto da Giuliano Cosimetti (AutofficinaSicura)


Inizia la sua carriera nel settore automotive come operaio presso un’autofficina meccanica di Roma. Successivamente entra a far parte della Europcar (nota multinazionale di autonoleggio) occupandosi del controllo dei preventivi di carrozzeria e meccanica diventando – dopo nemmeno un anno – coordinatore del pool ispettori. Prosegue la sua carriera presso la ServiziAutoOnline (Saol) dove sviluppa il primo portale di meccanica online e una capillare rete di assistenza per alcune aziende del noleggio a lungo termine. Oggi è amministratore della GenesiSaw Srl dove si occupa principalmente di assistenza flotte aziendali. | Facebook | Twitter | Linkedin | Google+|


Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?

2 Commenti a L’importanza del valore giuridico di un preventivo tutela l’automobilista ma anche il meccanico

  1. Ho letto quanto detto sul valore di un preventivo fatto a regola, ebbene io ormai da venti anni guidò Audi e mi rivolgo a una conce di Portogruaro per i lavori più delicati, i tagliandi mi arrangiò da solo. Qualche anno fa andai perche dalla mia a4 b6 di allora notai sotto l auto proprio sotto la leva del cambio una goccia d olio, andai in conce e non c era il responsabile del service, cosi mi accorda i col magazziniere che parlò col capo officina per fare un intervento, pulire la scatola sotto leva cambio e cambiare un o ring, mi disse a voce spesa 200€ ,l indomani portai l auto e la sera andai a ritirarla, c era il responsabile del service che già aveva fatto la ricevuta, 320€ ,quando ho visto il prezzo gli dissi: ieri ho parlato con Orazio il quale dopo essersi consultato col capo officina mi ha detto che la spesa era di 200€. Chiamò Orazio il quale confermo quanto detto, chiamo il capo meccanici che pure lui confermò quanto detto il giorno prima, a questo punto rifece la fattura e mise il prezzo preventivato a voce il giorno prima, questo è sintomo di correttezza, non capisco però come lui possa aver fatto una ricevuta con 120€ in più, gli chiesi ma non mi diede spiegazioni, disse solo che la casa x quel tipo di lavoro mette in conto Xore e Y ricambi con totale 320€. Da allora con lui non ho più parlato e ogni qual volta porto l auto x un lavoro mi fanno il preventivo scritto, io giro la mail a Audi Verona i quali mi confermano o meno il preventivo, prima di natale lo feci x la distribuzione e usci 900€ ,io so che con lo sconto del 25% sui ricambi il prezzo varia dai 750€ agli 800€ ,allora mi feci fare altri 2 preventivi dall Audi di Pordenone e Conegliano, uscivano in uno 735€ l altro 745€ ,ma non tornavano i pezzi da cambiare e le ore, tre preventivi diversi, girai tutto a Audi Verona che dopo qualche giorno mi chiamo e disse che quello a regola d arte era di Portogruaro, ma avevano messo 100 euro in più in quanto il PC ha calcolato lo stacco e riattaccò del muso auto, invece era già inserito sullo smontaggio e montaggio kit distribuzione, andai da loro e si scusarono, ma in effetti mi mostro che mettendo a PC i dati uscivano in automatico quei 100€ in più perche dava una voce: stacco riattaccò serratura, che invece era compresa sul prezzo montaggio kit.. A marzo faccio il lavoro. Questo x dire che se una cosa sembra strana ci sono altri canali x verificare il tutto, io l ho imparato e ora lo faccio sempre.

    • Maurizio, tu ti sei confrontato con delle concessionarie, quindi il tuoi iter è stato a circolo ristretto. Prova ad immaginare cosa fanno le altre migliaia di officine indipendenti o autorizzate quando entra il cliente in officina.
      Comunque a giorni mostrerò una fattura rilasciata da una concessionaria Mercedes e di come è stata restituita l’auto al cliente.

Commenta inserendo questi dati. (Il tuo commento andrà prima in moderazione e pubblicato entro 24 ore)

Inviaci un messaggio privato tramite Facebook. ATTENZIONE: Se hai già lasciato un commento sotto l'articolo, NON inviarci lo stesso messaggio anche su Facebook. I tempi di risposta sono esattamente gli stessi!


Inviaci una e-mail (Ti risponderemo entro 24 ore)

AutofficinaSicura è un marchio di proprietà di Alessandro Cosimetti s.p.


- Privacy Policy

- Cookie Policy

Copyright © 2010 - 2017

VAT SI46937072


Sede legale: