alta temperatura motore

Come evitare che una piccola perdita di acqua rompa interamente il motore della vostra auto

alta temperatura motore
Foto: Vicki

Qualche automobilista si è ritrovato alle prese con problemi di surriscaldamento del motore durante il viaggio in autostrada. Mentre oggi abbiamo ricevuto una email di un’utente che – incolonnato nel traffico autostradale – ha visto la lancetta della temperatura motore raggiungere i 120 gradi centigradi.

Perché la temperatura del motore tende a salire superando i 90 gradi? Perché le ventole di raffreddamento non vanno in funzione?

I motivi possono essere tanti. Vediamone alcuni.

Mancanza del liquido di raffreddamento

Per liquido di raffreddamento si intende il classico fluido di colore blu (o rosso) che previene la formazione di ruggine nel motore e radiatore. Inoltre, evita il congelamento durante le basse temperature. In alternativa possiamo utilizzare anche della semplice acqua.

Col passare del tempo, il livello del liquido si abbassa a causa dell’evaporazione (parliamo di piccole quantità d’acqua) o a causa delle micro perdite non percettibili. Prima di ogni viaggio, basta controllare sulle vaschette la tacca che ne indica il livello massimo.

Perdite di liquido di raffreddamento

Il liquido refrigerante può fuoriuscire da una serie di perdite che si manifestano sul radiatore (a causa di urto oppure per semplice deterioramento) e dal “radiatorino” interno di riscaldamento (solitamente le perdite bagnano la moquette sotto i piedi del conducente).

Anche i manicotti in gomma nel tempo perdono elasticità e – nonostante delle fascette metalliche nuove – perdendo anche lo stesso liquido. Dei tappi, collocati sul monoblocco motore, vengono messi a pressione. Essendo di metallo sono soggetti ad usura.

Un altro esempio di consumo è dovuto dalla rottura della guarnizione della testata col rischio di introdurre il liquido di raffreddamento all’interno del motore (si forma una morchia giallastra facile da avvistare togliendo il tappo delle punterie oppure dalla stecca dell’olio che indicherà un livello eccessivo di lubrificante).

tappi monoblocco

Termostato bloccato

Il termostato è una valvola a molla collocata tra testata e manicotto in gomma. Con il tempo la molla si rovina e diventa dura bloccando il flusso di liquido refrigerante che raggiunge i 90 gradi. Quando questo avviene, il manicotto in gomma diventa durissimo a causa della forte pressione esercitata dal liquido.

termostato bloccato

Anomalia delle ventole di raffreddamento

Le ventole di raffreddamento ricevono l’impulso da un bulbo collocato sul radiatore (nella parte bassa). Funzionano per mezzo dell’elettricità e di conseguenza dei fili vecchi e “cotti” (o dell’ossido sui contatti) potrebbero compromettere il regolare funzionamento. Il bulbo potrebbe smettere di funzionare senza preavviso.

Cosa bisogna fare per evitare di danneggiare la testata (o tutto il motore)?

Se la lancetta supera i 90 gradi tendendo a salire, spegnete il motore!

Prima di controllare il livello dell’acqua, attendete almeno un paio di ore per permettere alla temperatura di scendere facendo diminuire la pressione esercitata all’interno del radiatore. Non togliete mai il tappo della vaschetta quando la temperatura è ancora alta, potreste essere investiti dall’acqua rovente riportando seri danni fisici.

Raffreddato il motore, aprite il tappo della vaschetta e controllate il livello. Una volta rabboccato con dell’acqua, accendete il motore lasciandolo al minimo. Se notate la temperatura non oltre i 90 gradi e le ventole funzionanti a dovere, allora trattasi solo di un poco d’acqua nel circuito (consiglio un controllo in officina mettendo il circuito in pressione a freddo per rilevare eventuali perdite o trasudi).

Vaschetta liquido raffreddamento

Se invece la temperatura non esita a scendere e vedete l’acqua uscire per eccessiva pressione dal tappo, evidentemente qualcosa non va. Consiglio di portare l’auto dal meccanico con un carroattrezzi evitando ulteriori danni al motore.

L’errore più comune tra gli automobilisti è quello di non fermarsi quando la lancetta supera i 90 gradi bruciando la guarnizione della testata. Nonostante l’alta temperatura, la scarsa potenza erogata e i rumori provenienti dal motore, molti continuano imperterriti nella loro disperata corsa a casa o in officina, fondendo definitivamente il motore.

Data la bella stagione oramai alle porte, consiglio di portate l’auto in officina per un controllo. Eviterete di spendere inutilmente migliaia di euro.

Quindi, occhio alla temperatura!

Video-riassunto dell’articolo

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Vuoi scoprire "7 segreti per risparmiare veramente in autofficina"?

Cerchi qualcosa in particolare? Inserisci il termine di ricerca qui in basso

Vuoi contribuire al contenuto di questo articolo? Oppure vuoi farci delle domande?

 

Scrivi qui sotto il tuo commento.

Ti risponderemo entro 24 ore!

215 commenti su “Come evitare che una piccola perdita di acqua rompa interamente il motore della vostra auto”

  1. Volevo chiedere una cosa a Giuliano se può rispondermi riguardo motori auto e modello auto siccome voglio comprare la macchina nuova mi sapete dire come si comporta la nuova Renault clio disel 2015 come rapporto motore qualità e auto. Ne vedo molte adesso in giro ciao

      1. Antonio Di Costanzo

        Giuliano io ho una chevrolet tacuma del 2005 sabato sera in città è salita la temperatura molto. Mi sono fermato immediatamente ed l’ho fatta raffreddare ed il giorno seguente ho fatto 82 km senza che mi abbia dato problemi ma nel traffico si alza la temperatura quasi a metà. Quale problema può avere?

        1. Buonasera, sono Ernesto ed ho una pt 2.2 Crd 2005, stamattina ero in autostrada e all’improvviso è iniziata a salire la lancetta della temperatura dell’acqua, allora accosto in Sos e neanche il tempo di spegnere il motore la spia della temperatura dell’acqua inizia a lampeggiare e si spegne da sola la macchina. Aspettando il caratterizzi per un ora di tanto in tanto riaccendo il quadro è noto che la lancetta inizia a scendere molto lentamente. Finalmente arriva il carratrezzi e mi porta alla prima officina di Ancona tra l’altro convenzionato chrysler. Dopo averla visionata mi dice che il tubo di ferro che porta L ‘acqua per rafffreddare il motore si è rotto e che nn è facile sostituirlo poiché appoggia sulla catena di distribuzione, dopo varie telefonate per trovare il pezzo mi dice che il pezzo costa 300 euro.
          Adesso mi domando e chiedo a voi esperti è possibile che un tubo costi tanto?
          Vi chiedo grazie in anticipo per i vostri pareri